Le sette cerimonie, esclusive novità wellness della CXI SPA, al Lido Palace di Riva del Garda

Il numero sette è considerato il simbolo magico e religioso della perfezione. Poiché esprime la globalità e l'equilibrio, sul filo immaginario di un giro virtuale intorno al mondo, la CXI SPA del Lido Palace ha ideato 7 cerimonie di benessere. Si tratta di rituali unici, esclusivi, che mescolano antiche tradizioni, profumi e suggestioni di terre lontane. Dal Giappone alla Turchia, dai freddi mari del Nord fino al dorato Sudamerica, vengono mutuate tecniche di massaggio e trattamenti suggestivi, per una rigenerante sensazione di rilassamento totale e per una pelle splendida.

OFURO: l’antico rito del bagno giapponese

La prima cerimonia non potrebbe cominciare se non con la purificazione. Ofuro  è l’antico rituale giapponese di bellezza, in cui il benessere per il corpo e per lo spirito si raggiunge attraverso l’acqua. Il bagno caldo era, ed è vissuto ancora in questi giorni come un’autentica cerimonia di liberazione e di ritrovata tranquillità per l'anima, un momento di contemplazione e meditazione in cui si riarmonizzano le energie. Il rito comincia con la detersione della pelle dolcemente massaggiata con un docciacrema agli estratti di Fiori di loto e neroli, dall’effetto rilassante. Una volta eliminate tutte le impurità ci si immerge nella calda acqua del bagno per abbandonare le tensioni. Capelli ed epidermide sono trattati con estrema cura e delicatezza, con tocchi attenti e gesti premurosi. Segue il massaggio che combina le pressioni dello shiatsu con puff di pregiatissima polvere di riso, estratti di loto e bambù, che vengono tamponati su tutto il corpo, per sentirsi coccolati.

TALINGO: viaggio nei mari del Sud.

La seconda cerimonia è un’emozionante preparazione al “viaggio” (interiore): il trattamento replica le sensazioni del ritmo della Madre Terra, del vento tra i capelli, del calore sulla pelle e del fragore delle onde, in un'esplosione di elementi e di colori che ricreano l'eccitazione della partenza, verso la rinascita in una nuova terra, proprio come per gli antichi esploratori.

Talingo è il nome di un rituale malesiano di rilassamento e rigenerazione. Si parte dalla Thailandia, con gli intensi movimenti di allungamento e mobilizzazione del massaggio Thai - con stretching e posture yoga - per ritrovare energia ed elasticità. Capelli e testa vengono poi massaggiati con olio di carota (ricco di vitamina A rende i capelli morbidi e setosi), e fico d’india. L’intensità della cerimonia culmina con i movimenti fluenti ed avvolgenti di una tecnica indonesiana che utilizza burro di karité con estratto di fiori di champaca (detti anche fiori della sera: il loro fragrante profumo era la prima cosa che i marinai sentivano al ritorno al tramonto dopo le loro lunghe traversate).

LOUKUM: il giardino delle delizie

La terza cerimonia lascia che la fantasia si sprigioni. S’ispira al capolavoro di Hieronymus Bosch “Il giardino delle delizie”, trittico a olio (1480-1490) che rappresenta la veduta di un lussureggiante giardino - probabilmente simbolo del Paradiso perduto - punteggiato da piante e frutti coloratissimi, visioni oniriche, figure bibliche e mitologiche. Il trattamento comincia con un massaggio decontratturante alla schiena dalla fragranza dolce e coinvolgente, in cui l’olio per il trattamento (a base di carota e fico d’india) è arricchito dai profumi di Loukum, detto anche Turkish Delight, un dolce della tradizione turca con pistacchi e mandorle. L’esfoliazione al sale con fiori di neroli prepara la pelle al bagno caldo. E, dopo una maschera antiage per il viso all’oro e al legno di cedro, ci si concede un intenso massaggio con un burro caldo colato sulla pelle e arricchito con loto e fiori frangipane. Circa due ore di massaggio a tutto il corpo portano ad una totale e completa distensione.


GOCCE D'ORO: tramonto sudamericano

Nel Sudamerica – terra ricca di giacimenti auriferi - gli antichi popoli consideravano l’oro “il metallo degli Dei” per la sua sorprendente proprietà di donare lucentezza e turgore alla pelle. In questo prezioso trattamento, l'essenza dell'oro penetra nell’epidermide goccia a goccia, regalandole splendore e giovinezza, in una cerimonia olistica che ogni donna dovrebbe sperimentare anche solo per una volta. Oro ed estratto di caviale in un miele da massaggio (a base di aloe e olio di carota), vengono sciolti inizialmente sulla schiena dal calore delle mani della terapista, in una sinfonia di movimenti distensivi, sulle note di cedro e patchouli. L’oro 23 carati viene poi utilizzato per far risplendere viso, braccia e mani grazie ad una maschera rigenerante e anti-ange dalla texture luminosa.


AMBRA: gemma del Nord

Dall’ambra baltica (resina fossile, formatasi da alberi vissuti oltre 40 milioni d'anni fa), gemma che splende tra i ghiacci nordici e racchiude in sé i segreti degli oceani, arriva l’ispirazione per questo rituale dall’azione estremamente rilassante. Ci si distende sulla tavola di corian riscaldata, per godere di un massaggio “tridimensionale”, con oli, burri ed essenze che avvolgono il corpo in un dolce abbraccio di tutto il corpo. Un trattamento che combina gli stiramenti al massaggio con gli avambracci, per lasciarsi andare completamente. Seguono esfoliazione con granuli di zucchero di canna che ammorbidiscono l’epidermide sprigionando le essenze di muschio e sandalo e risciacquo in vasca da bagno in acqua ferma con ambra e una maschera rigenerante per il viso al miele e rosa. Dulcis in fundo un caldo massaggio con burro di karité all’ambra e pietre baltiche per riequilibrare l’energia corporea.

LA TESSITRICE: dall’antica Cina

Con le sue mani delicate e meticolose, la tessitrice dell’antica Cina, porta con sé i segreti di un'attenzione speciale per la bellezza degli arti superiori.

Ammorbidite con una maschera di miele, rosa e zenzero, che rilascia sulla pelle proprietà nutrienti e anti-age, le mani vengono massaggiate con pietre calde e con le essenze di fiori di loto e bambù. L’esfoliazione per rimuovere le cellule morte è a base di proteine della seta con note di muschio e sandalo per una pelle setosa e idratata. Segue una piccola manicure. Strettamente legate a chi lavora con le mani (alla scrivania o al volante ad esempio), testa e spalle vengono massaggiate con le digitopressioni del Tuina e i fiori dei giardini dell’antica Cina.

Le mani vellutate, otterranno la stessa morbidezza dei tessuti di un'Imperatrice.

L'EQUILIBRISTA: sogno birmano

Da un’estremità all’altra… il rituale concentra la propria azione sugli arti inferiori, levigandoli dolcemente e prendendosene cura attraverso manualità orientali e una gamma di preziosi prodotti capaci di offrire una sensazione di incredibile leggerezza, paragonabile a quella di un viaggio a bordo di un tappeto volante… Il nome prende spunto dai pescatori birmani che lavorano in equilibrio su un solo piede perché l’altro deve orientare la barca e le mani devono essere libere per catturare i pesci con la rete.

Profumi dei tropici insieme a miele, rosa e zenzero esfoliano e rendono morbidi i piedi. Olio di carota e fico d’india nutrono e donano freschezza. Le tensioni di spalle e collo vengono poi sciolte grazie a manualità distensive e al fragrante aroma dei fiori di champaca.

 

Richiedi informazioni all'Hotel Principe di Lazise Wellness hotel & SPA